Pubblicato da: fitonews | 12 ottobre 2016

Avena sativa in Fitoterapia e in Omeopatia

avena Avena sativa in Fitoterapia

Le parti aeree della Avena sativa L., pianta appartenente alla famiglia delleGraminaceae,  si usano in caso di nervosismo e insonnia. L’azione blandamente sedativa, simile a quella svolta dalla Passiflora incarnata, sembra sostenuta dalla gramina, alcaloide indolico presente anche nell’orzo, sinergicamente coadiuvata dalle avenine e dagli avenacosidi. Le parti aeree della pianta sono presenti come monografia della Commissione E della Sanità tedesca: la pianta viene indicata per stati acuti o cronici di ansia, nella tensione o agitazione, nella sindrome neuroastenica, come ricostituente e corroborante generale. Viene peraltro specificato che l’efficacia della droga non è stata dimostrata. Avvertenze: solo a scopo precauzionale se ne sconsiglia l’uso ai soggetti con intolleranza al glutine (possibili contaminazioni).    Posologia : Avena sativa T.M. 40 gocce, diluite in acqua, 1-3 volte al giorno. La Tintura Madre (T.M.) si prepara a partire  dalla parte aerea fiorita fresca.

cover ultimoAvena sativa in Omeopatia  

Avena sativa è indicata in caso di spossamento nervoso con difficoltà a pensare, a lavorare, a concentrarsi e in caso di astenia con nervosismo e insonnia. Può essere utile anche in caso di cefalea, prevalentemente occipitale, accompagnata da nervosismo, protrazione nervosa e insonnia. E’ da evidenziare l’effetto tonico associato all’effetto blandamente sedativo. Vannier ne indica l’uso anche in caso di impotenza sessuale nel soggetto astenico. L’astenia psico-fisica e l’insonnia rappresentano comunque le caratteristiche dominanti del medicinale omeopatico: tali caratteristiche “si possono ritrovare nei convalescenti, nei soggetti sovraffaticati intellettualmente e negli ipotesi”. Posologia : 1-3 DH 20 gocce, diluite in acqua, 2-3 volte al dì (sorseggiare lentamente).

Commento

L’uso fitoterapico e omeopatico sono molto simili: in Omeopatia si evidenzia l’associazione dell’effetto tonico e sedativo: “la mattina tonifica; la sera favorisce il sonno”. Come asserisce Guermonprez “una pianta a dosi omeopatiche produce sempre più effetti”rispetto all’uso fitoterapico.

(Tratto da: Campanini Enrica, 2013, Piante medicinali in Fitoterapia e Omeopatia, Tecniche Nuove, Milano)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: