Pubblicato da: fitonews | 24 novembre 2014

Il salice e il suo polline

Salix_caprea_fiore_m_300_scrittaI Salici sono specie mellifere importanti, in quanto fioriscono rapidamente mettendo a disposizione delle api abbondante nettare e polline in un periodo dell’anno povero di fioritura.  Il polline di salice (uno dei più ricchi, contenendo il 4% in azoto) è ammassato in pallottole grosse, di colore normalmente giallo-chiaro. Si tratta di un polline raro considerato come la “perla” dei pollini. Viene segnalata la presenza di vitamine del gruppo B, vitamina C ed  E,  fosforo, zinco, ecc. ad azione energizzante. La presenza di luteina e  zeaxatina,  carotenoidi  protettori  della retina e del cristallino, contribuiscono alla salute dell’occhio. E’ inoltre indicato come coadiuvante  per mantenere una buona funzionalità prostatica.  All’analisi microscopica  il polline di salice appare presente in tutti i mieli primaverili dell’Italia settentrionale, spesso in percentuale importante: si tratta però nella totalità dei casi di mieli multiflorali e spesso si raccolgono mieli misti di tarassaco e  di salice (i mieli uniflorali di salice non risultano essere prodotti in Italia). Questi mieli presentano un colore beige rosato e una rapida cristallizzazione, probabilmente dovuta all’elevato apporto di glucosio del nettare di tarassaco. Anche l’odore e il sapore sono marcati dalla presenza di tarassaco. (Tratto da: UNAAPI, Il miele di Salice, in www.mieliditalia.it).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: