Pubblicato da: fitonews | 30 dicembre 2011

La zia Julia e un gelato molto speciale….

In questi giorni sto leggendo un libro molto bello dello scrittore peruviano Mario Vargas Llosa: La zia Julia e lo scribacchino. Ad un certo punto viene citato un frutto tipico del Perù, la lúcuma e così ho deciso di …indagare.
Il Lucumo (Pouteria lucuma Ruiz &Pavon) è un albero, appartenente alla famiglia delle  Sapotaceae,  originario delle Ande in Perù: può raggiungere i 10 metri di altezza e cresce bene anche ad altitudini superiori ai 1.000 metri. Il frutto, lúcuma, presenta una forma ovale/sferica lunga circa 5-10 cm, la buccia, sottile e delicata, mostra un colore giallo-verde o verde/ giallo-bronzeo mentre la polpa dolce ed amidacea ha  un intenso colore giallo-arancio ed è considerata molto nutriente. Alcuni frutti possono arrivare a pesare anche 1 kg. «Ricerche archeologiche hanno scoperto che il suo consumo risale al II secolo d.C. ed era tipico della cultura Mochica, civiltà pre-Inca, che nasce e si sviluppa principalmente lungo la costa settentrionale del Perù. Una testimonianza del consumo di questo frutto sin dai tempi più antichi, è il ritrovamento di numerevoli Huacos: antiche ceramiche che rappresentano diversi aspetti e scene della vita quotidiana, in cui la lucuma è spesso rappresentata.»
Il Perù è il maggior produttore: solo una piccola percentuale raggiunge i mercati per essere consumata fresca mentre la maggior parte del raccolto viene usato per ottenere farine non deperibili e con un alto valore nutrizionale e polveri disidratate. Una volta disidratata, la polvere di lúcuma  viene usata principalmente per aromatizzare gelati e prodotti di pasticceria o altri prodotti a base di latte. Ha un caratteristico sapore di cioccolato e “dulce de leche” (un dessert a base di latte caramellato).  Presenta un basso contenuto di zuccheri, è ricco di fibre, ferro, calcio, fosforo e vitamine in particolare beta-carotene, stimolante del sistema immunitario, e  niacina bilanciatore di colesterolo e trigliceridi. Per queste sue caratteristiche viene considerato un dolcificante naturale adatto anche per chi soffre di diabete o per chi ha problemi di linea. Scrive Mariella Balbi: «E’ anche considerato una pianta medicinale. Le foglie sono usate per curare le irritazioni della pelle e nella selva alta  il succo di lúcuma è usato per alleviare il diabete, con risultati positivi  a dire di coloro che lo prendono per questo scopo. Le foglie inoltre sono una buona tintura per i tessuti. […]Siamo allora di fronte a un frutto simbolico, nutritivo e, contemporaneamente, medicinale». (Balbi Mariella .“Il regno della lucuma” in Chasqui – Anno 2, numero 5, Bollettino Culturale del Ministero degli Affari Esteri, ottobre 2004).
«Per avere un’idea del frutto fresco dovete visitare il Perù nei mesi estivi, da gennaio ad aprile. Se andrete in Perù, ricordatevi di chiedere del gelato al lúcuma fatto con la frutta fresca. È semplicemente il meglio. E, mentre la lúcuma stimola i sensi del gusto e dell’odorato, lasciate che la bellezza del Perù riempia i vostri occhi.»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: