Pubblicato da: fitonews | 6 novembre 2010

Una dolce terapia….

MIELE DI TIGLIO: svolge un’ efficace azione neurosedativa  ed il suo consumo è indicato in tutti i casi di nervosismo ed insonnia.  Sciogliendo, ad esempio , un cucchiaio di miele in una tisana di fiori di tiglio otterremo un potenziamento delle specifiche proprietà della pianta e  una valida tisana per combattere l’insonnia.
MIELE DI MELISSA: varietà rara ma ricercata per l’attività spasmolitica e neurosedativa, è indicato nella nevrosi gastrica e nei piccoli disturbi di origine nervosa che accompagnano o precedono le mestruazioni.
MIELE DI ACACIA: trova ottimo impiego in campo pediatrico  per combattere  raffreddore e  tosse e come regolatore intestinale. Unisce, infatti, all’attività antinfiammatoria ed emolliente un sapore gradevole e molto delicato.
MIELE DI MENTA PIPERITA: varietà rara,  dato che si trova solo in prossimità di coltivazioni di menta, svolge proprietà stimolanti a livello dell’apparato digerente, favorendo anche il flusso biliare, ed è di aiuto, pertanto, in caso di difficoltà digestive, meteorismo etc. Agisce inoltre come tonico del sistema neurovegetativo.
MIELE DI BIANCOSPINO: varietà rara. Come dalla pianta da cui deriva svolge blanda attività cardiotonica e sedativa generale. Indicato nell’ipertensione, arteriosclerosi ed insonnia, il suo consumo risulta particolarmente adatto all’anziano.
MIELE DI ERICA: per la sua azione disinfettante e diuretica trova particolare indicazione  nelle affezioni delle vie urinarie, ove verrà vantaggiosamente abbinato alla terapia di base.
MIELE DI TIMO: per la sua ricchezza in oli essenziali è un ottimo antisettico che   esplica la sua azione a livello intestinale , urogenitale e polmonare.
MIELE DI LAVANDA: azione prevalentemente antisettica e cicatrizzante per uso esterno. Internamente abbina un’azione antispasmodica e tonica sul Sistema Nervoso che ne suggerisce l’utilizzo nelle persone che soffrono di forme depressive e di cefalea.
MIELE DI ROSMARINO: trova indicazione nella cura dell’insufficienza epatica e biliare. Valido il suo utilizzo anche nei confronti dei  problemi digestivi (flatulenze, coliti e gastriti). A tutto ciò unisce un’azione tonica non trascurabile.
MIELE DI FIORI D’ARANCIO: calmante ad attività antispasmodica è indicato nella cefalea, nei disturbi del sonno, negli stati di esaurimento psicofisico. Si è dimostrato efficace  nei bambini che presentavano  difficoltà d’apprendimento.
MIELE DI CASTAGNO: considerato molto efficace contro l’anemia è consigliato anche negli stati di affaticamento e debolezza, come in quelli di inappetenza.
MIELE DI CORBEZZOLO: Proviene dal corbezzolo il miele amaro, il più amaro fra tutti, impiegato nella cura delle affezioni bronchiali (azione antisettica). Il miele amaro, che rappresenta una   specialità della Sardegna,  era ricordato già nell’antichità: “amarior melle Sardo” (Orazio, Ars poetica, I sec. a.C.).


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: