Pubblicato da: fitonews | 13 maggio 2010

I samurai, il wasabi e altro ancora….

Uno studio italiano  pubblicato tempo fa dalla prestigiosa rivista americana Proceedings of the national academy of sciences (Pnas), ha segnalato che cibi e spezie  possono contribuire a  lenire il dolore innalzando la soglia di percezione  da parte dell’organismo. Nell’elenco sono segnalati aglio, senape, cannella, peperoncino e anche il  wasabi. Dal rizoma della Wasabia japonica,o ravanello giapponese, pianta originaria del Giappone e appartenente alla famiglia delle Brassicaceae, si ottiene una pasta verde e dal sapore particolarmente piccante che viene usata come condimento nella cucina giapponese per accompagnare il pesce crudo o sushi e che prende il nome di wasabi. Come accade per il peperoncino (il principio attivo capsaicina attiva uno specifico recettore del dolore: Trpv1), il wasabi contiene molecole che sono in grado di attivare uno specifico recettore del dolore denominato Trpa1 o wasabi receptor. Gli effetti indesiderati, ma apprezzati dagli “intenditori”,  a cui si va incontro quando si assaggia il wasabi, quali   pizzicore, lacrimazione,ecc., in realtà sono espressione dell’ azione su  questi recettori e del conseguente invio al cervello, attraverso le terminazioni nervose periferiche,di un segnale d’allarme a cui segue la liberazione di endorfine e sostanze antinfiammatorie in grado di determinare un’azione antidolorifica.
Il direttore della ricerca, il prof. Geppetti (Centro per le Cefalee Università di Firenze ) auspica la possibilità di poter sintetizzare nuovi farmaci con effetti avversi minimi o nulli, capaci di lenire il dolore acuto e cronico “ ma il risvolto immediato può essere proprio una sorta di menù desensibilizzante, in grado di alzare la soglia di percezione del dolore. E, sorpresa, la tradizione collima con la scienza: peperoncino, aglio, rafano, zenzero, sono da secoli la panacea di popolazioni che vivono in situazioni climatiche estreme e in condizioni di lavoro estreme. Il wasabi, invece, arriva da una tradizione che ha nella resistenza al dolore uno dei cardini d’onore: il popolo dei samurai ha regole in cui il wasabi ha ragione d’essere [leggi qui].

Annunci

Responses

  1. Adoro il wasabi…adesso ho capito anche il perchè mi piace così tanto !


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: