Pubblicato da: fitonews | 12 aprile 2010

Una pianta dalla Cina

Recentemente si è riscoperta una pianta usata in Cina da più di 2000 anni, l’Artemisia annua, da cui viene estratta l’artemisinina. Questo principio attivo risulta particolarmente efficace nel combattere la malaria: realizza la rimozione rapida di parassiti con percentuale di recrudescenza bassa, elimina rapidamente i sintomi associati alla malaria, può ridurre potenzialmente la trasmissione dell’infezione, previene il procedere verso la malaria cerebrale, è efficace in aree con resistenza ai farmaci e ha buona tollerabilità. Ricerche (in vitro) condotte dall’ equipe del professor Franco Vincieri della facoltà di Farmacia dell’Università di Firenze, hanno dimostrato che se utilizzata in sinergia con i flavonoidi (polifenoli antiossidanti, presenti in frutta, verdura e nella stessa Artemisia) l’artemisinina non solo reagisce 10 volte più rapidamente moltiplicando così le possibilità di successo, ma può essere prodotta a costi assai minori.

Annunci

Responses

  1. Molto interessante! E su altri Tè ? Dato che ne bevo quotidianamente e con grande piacere, mi piacerebbe saperne di più..Intanto grazie e saluti, Enrico S.

    • mi hai dato una buona idea…Prossimamente provvederò 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: